venerdì 27 gennaio 2012

27/01/1945 - 27/01/2012





Non mi interessa la retorica, non è nel mio stile, ma per me il Giorno della Memoria da qualche anno a questa parte ha un significato particolare. E' così da quando ho avuto il privilegio di partecipare al "Treno della Memoria" e visitare il campo di lavoro di Auschwitz I ed il campo di sterminio Auschwitz II - Birkenau. Da quel giorno qualcosa in me è cambiato. Ognuno può vivere questa data come meglio ritiene, può anche ignorarla casomai, ma io la dedico a ricordare la sensazioni provate in quel viaggio, che mi porterò dentro per sempre. Proprio per non esser retorica, invece di descriverle provo a condividerle con voi come faccio spesso, ovvero attraverso le mie foto. Che ne pensate? Mi piacerebbe un vostro parere, sulle immagini ma anche su questa ricorrenza. E domani, promesso, si torna a parlare di borse :-)





























































27 commenti:

  1. splendie foto, il fatto che siano bianche e nere le rende ancora più intense. Quella di tutti gli occhiali mi è piaciuta molto..

    RispondiElimina
  2. Come non ricordare questa data...come ben sai andrò a Berlino a febbraio e una tappa sarà anche visitare quei posti, personalmente sono molto sensibile e una mia amica mia ha detto che lei quando ci è stata le ha messo una tristezza addosso che si è rovinata tutto il viaggio ma, io voglio andarci lo stesso. Le foto che hai scelto sono molto belle e pensare che alcuni dicono che è solo una legenda.

    Baci Marcella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se posso darti un consiglio a berlino vai a visitare il Bendlerblock. E' vicino al parco Tiergarten, ci arrivi a piedi ma non ci va mai quasi nessun turista. E' il luogo dove furono fucilati Stauffenberg e compagni qaundo furono arrestati in seguito al loro tentativo di uccidere Hitler. ma oltre a questo intento commemorativo il posto è sede di un museo della resistenza incredibile. enorme, ricchissimo, con audioguida italiana gratuita e tantissime foto e testimonianze. a me ha interessato moltissimo...

      Elimina
  3. Ciao Audrey,
    le foto sono stupende mettono i brividi, visto che hai avuto la possibilità di vedere quei posti anche sotto la neve, li rende anche più spettrali, come ho detto non ci sono ancora stata, ma spero presto di sopperire a questa mancanza.
    So per certo che quando varcherò quei cancelli proverò sensazione molto forti, toccherò con mano il loro orrore, perchè certi luoghi restano impregnati della negatività che hanno subito.
    Ti racconto un piccolo aneddoto. Molti anni fa ho avuto la possibilità di visitare Eperlecques Blockhouse ( è nel nord della Francia)è un blocco di cemento una cosa tetra, (su internet trovi le foto); dove creavano i V1 V2.
    Beh ti dico dopo che ho fatto il giro sarà stata la voce che narrava gli eventi, sarà stata la sensazione che provavo, ma ero sicura che prima o poi sarebbe uscito un Nazista e mi avrebbe messo a creare V1-V2, il dramma che vissero lì le persone deportate lo sentivi con mano.
    Quindi immagino che per me Auschwitz, sarà un posto che mi lascerà moltissime sensazioni forti.
    Grazie per quello che hai scritto sul mio blog sei veramente molto gentile. Buona giornata e buon week end baci Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le sensazioni saranno fortissime, anzi devastanti, ma credo ne valga la pena. esci che sei una persona diversa, forse migliore.

      Elimina
  4. Hai ragione: in questi casi le foto sono più convincenti delle parole! Sono fotografie agghiaccianti, pur non mostrando nulla di macabro: il senso di sgomento viene dalla testimonianza dei volti, dei capi di abbigliamento appartenuti a coloro che furono sterminati, al filo spinato vicino a quelle casupole tutte uguali. Il bianco e nero rende perfettamente l'atmosfera di negazione della vita che quel luogo fu negli anni quaranta.
    Hai fatto molto bene a postare queste foto e a ricordare il tuo viaggio. Chi dimentica la storia, è destinato a ripeterne gli errori, per questo si insegna la storia e per questo non la si deve dimenticare mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. conosciamo e frequentiamo i rispettivi blog da pochissimo tempo, ma hai capito perfettamente cosa volevo trasmettere con queste foto. grazie

      Elimina
  5. giusto ricordare, molto belle qst foto...nn hanno bisogno di parole....
    un bacio

    RispondiElimina
  6. Le tue foto mi hanno colpito, sono davvero belle, anche se non si può certo considerare bello un campo di sterminio, ma penso tu abbia capito cosa intendo.
    Io non sono mai andata a visitare un campo di sterminio, però questa parte di storia ha sempre avuto un significato profondo per me, prima cosa perchè il mio bisnonno era stato deportato, in quanto italiano beccato ad aiutare gli ebrei, ma non è solo per questo motivo... sono sensazioni ed emozioni più profonde, più complesse.... Ogni 27 gennaio il ricordo mi colpisce, le immagini scorrono e io cerco di figurarmi tutti gli orrori commessi e le vite spezzate, per non dimenticare mai quello che è accaduto. E' importante ricordare.

    B giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho capito cosa intendi e condivido con te il significato speciale dato a questi eventi proprio per le storie dei nonni....

      Elimina
  7. è un argomento che mi ha sempre toccato molto e credo sia importante ricordare le vittime dell'olocausto!!! ogni anno quando vedo film e documentari mi faccio certi pianti...delle immagini del genere non possono lasciare indifferenti!
    p.s. scusa se ti parlo di un argomento banale ma mi avevi chiesto dove potevi trovare la collana jc penney, sul sito potrebbe non esser disponibile però ce ne sono tantissime che meritano quindi ti lascio il link!
    prova quì...ce ne sono molte meravigliose! =D
    http://www.jcpenney.com/jcp/XGN.aspx?DeptID=73298&CatID=75646&SO=0&Ne=4294957900+4+5+8+1031+1545&SelDim=4~&x5view=1&N=4294942400+4294966637&Nao=0&PSO=0&CmCatId=73298|75646

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma figurati, anzi grazie delle info cara

      Elimina
  8. Che brutta pagina della nostra storia...

    RispondiElimina
  9. mi hai cambiato la giornata, e non lo dico per dire...mi hai toccato profonadamente con queste immagini, che hanno il suono del silenzio. un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie delle tue parole, mi fai capire che postare queste foto seppur non certo allegre non è stato un errore

      Elimina
  10. Hai fatto delle foto che sono riuscite a riprendere l'idea che volevi trasmettere: mi viene grande tristezza a guardarle.
    E anche un senso di vuoto e quasi di impotenza, troppo orrori hanno afflitto e stanno affliggendo il nostro mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come detto ad ady, con questo commento mi fai capire che postare queste foto seppur non certo allegre non è stato un errore e tutti avete capito perfetta,ente cosa volevo trasmettere. grazie

      Elimina
  11. Ho visitato Auschwitz la scorsa estate... per cui ti capisco... io ero con tre amiche, ma, nel viaggio di ritorno, eravamo ammutolite e nessuna ha parlato... io ho letto e continuo a leggere tanto sulla Shoah, ogni volta mi chiedo come sia stato possibile ciò, un crimine così efferato... e ogni volta non trovo risposta!
    bel post, complimenti!

    RispondiElimina
  12. Beh questo post mi ha colpito molto perchè a qualche persona ancora fa effetto quello che è accaduto.. Le foto sono belle ed esprimono molto!!!

    The Spotted Cherry Pie

    RispondiElimina
  13. abbasso il capo con rispetto estremo per la pagina di storia, troppo spessa e troppo indecorosa per quell'umanità che non è stata capace di reagire...

    RispondiElimina