lunedì 4 agosto 2014

BOOKS FOR BREAKFAST # 2 - DIARIO DI UNA LADY DI PROVINCIA


La seconda puntata della nuova rubrica "BOOKS FOR BREAKFAST" (QUI la prima se ve la foste persi) ha come protagonista un libro che ho amato tantissimo la prima volta e ancora di più la successiva:

DIARIO DI UNA LADY DI PROVINCIA
di E.M. DELAFIELD
Neri Pozza Editore
Un libro delizioso, a partire dalla magnifica copertina fino all'ultima avventura dell'irriverente protagonista.  Scritto sotto forma di diario, racconta le gesta quotidiane di una “lady” che si ritrova a vivere negli anni Trenta con un marito scorbutico, due figli strampalati, una mademoiselle/istitutrice francese e della servitù lamentosa.
Questa la descrizione sulla copertina: 

È una madre completamente pazza dei suoi figli, ma a volte la sfiora il sospetto che i suoi «dolci bambini» siano totalmente sprovvisti di senso artistico, visto che ascoltano canzoni come “Pazzo pazzo Izzy Azzy” riprodotte per la bellezza di quattordici volte consecutive al grammofono. È una moglie fedele e devota, ma a volte la sgomenta il comportamento di suo marito che, nel trambusto provocato dai bambini a letto col morbillo, non si limita ad assumere il tipico atteggiamento maschile secondo cui «stiamo facendo una tempesta in un bicchiere d’acqua», ma ha l’aria di chi è convinto che sia tutto una messinscena fatta apposta per infastidire lui. È un’attenta lettrice, ma di tanto in tanto le capita di fare commenti intelligenti su un romanzo come “Orlando” finché non lo legge, e si rende conto di non capirci un fico secco. È una casalinga senza macchia e paura, ma le accade spesso di offrire ai suoi ospiti pollo e patate crude. È una donna mondana, capace di stare in società, ma, invitata a una soirée letteraria, le capita di scambiare un’ispettrice sanitaria del governo, vestita con una specie di tappezzeria blu, per il perverso autore di “Sinfonia in tre sessi”. È una persona educata e di bon ton, ma non può evitare di indispettirsi quando l’odiosa Lady B., con una temperatura artica, l’invita ad assistere a un’insulsa competizione sportiva all’aperto di giovani uomini in completo di flanella bianca che si scaldano scagliando una pallina contro un muro. Lei vestita con un cappotto senz’arte né parte, e Lady B., invece, con un sontuoso soprabito verde smeraldo con colletto e polsini di pelliccia. È una madre che si sforza di non essere ansiosa coi figli, ma non può fare a meno di confrontare i capelli di sua figlia con quelli di altri pargoli, per scoprire che non esiste al mondo nessun altro che li abbia così dritti e spioventi come la sua bambina. È, insomma, la nostra cara, inarrestabile lady di provincia, capace di assecondare il marito brontolone e accudire le sue piccole pesti organizzando feste, disastrosi pic-nic sotto la pioggia, esilaranti incontri parrocchiali.

Io posso solo aggiungere che questo libro si fa divorare e soprattutto che è la prova provata che le donne, di ogni luogo, età ed epoca storica, se dotate di ironia e senso dell’umorismo possono affrontare qualsiasi cosa.

Che ne dite? Buona settimana carissimi!!


PS: TROVATE COME SEMPRE AUDREYinWONDERLAND E LE SUE AVVENTURE ANCHE QUI:

5 commenti:

  1. grazie per questo consiglio del lunedì-
    te l'ho già detto che adoro questa rubrica? :D

    RispondiElimina
  2. bella qst rubrica e mi incuriosisce qst libro :)
    buona giornata cara

    RispondiElimina